Durga: vivi la parte di te che sa credere, creare, agire.

LAVORO VS VITA

Chi ha vissuto uno scollo tra se stesso e il proprio lavoro, chi si è ‘osservato dall’alto’ mentre recitava la propria parte nel proprio ruolo lavorativo, sa di che parlo. Un senso di esiliazione, di forzatura, di allontanamento da sé.

Un lavoro non amato, eseguito solo per soldi o per dovere, rende infelici.

E quando finalmente ci si può ritrovare, facendo le cose che amiamo, la pace è amareggiata da false credenze: “questo non è il mio lavoro, questo è solo ciò che mi piace fare e che non porta frutto, non mi può dare sostentamento, non può costituire la mia attività primaria. Di questo non posso vivere“.

E invece sì, io posso essere il mio lavoro, io posso vivere senza differenze e con gioia i giorni lavorativi e i giorni di riposo, fare di me stesso e della mia missione un tutt’uno, senza ritmi altrui, obblighi che non riconosco né utili né validi, valori di altri che non condivido, consapevole appieno delle mie responsabilità, dei miei limiti che solo io posso superare, del mio dovere verso il resto.

Il mondo è ciò che io creo. Io posso vivere di ciò in cui credo.

La mia Professione d’Aiuto mi può far vivere bene e nell’abbondanza.

A Durga contribuiamo al tuo sogno, ti aiutiamo davvero a cambiare lavoro.

Durga, il mio sogno.

Valeria Bellesia

Valeria Bellesia

Anima di Durga

Tutto sembrava filare liscio, affetti, salute, lavoro ben remunerato e riconosciuto…

…ma, qualcosa non quadrava, seppur non avessi mai potuto ammettere di essere infelice. E a chi lo andavo a raccontare? A chi non arrivava a fine mese? A chi non aveva famiglia, figli, amore? A chi sosteneva di non avere le mie doti? Per fortuna la vita ci aiuta e ci smonta i castelli dorati (ehm, le prigioni dorate, pardon) e ci salva facendoci finalmente scegliere chi essere.

E allora è nata Durga, che aiuta a trasformare in lavoro la propria passione.

Valeria Bellesia è una ‘ragazza’ dotata di qualità artistiche, umane e realizzative.
E’ stata imprenditrice e titolare di realtà diverse, si è occupata di grafica, pubblicità, design, home décor, musica, impianti industriali.
Sa cosa vuole, soprattutto ora che si può definire una riciclata felice, dopo decenni in cui pensava che dal lunedì al venerdì ci si dovesse dedicare al dovere e che solo nel weekend si potesse sperare nella felicità (se ci riesci…).
Dal 2009, dopo aver lasciato definitivamente le sue vecchie attività, ha aperto Topos, insieme a Tullio Lucci, occupandosi di benessere e miglioramento di sé.
Nel 2013 è finalmente nata Durga, la Scuola di Formazione Professionale per Operatori Olistici e dell’Aiuto.

Sai chi è Durga?

shapeimage_6

È la Dea invincibile.

Ho scelto Durga perché meglio rappresenta le doti di chi affronta le proprie ombre, le conosce e le trasforma in qualcosa di meraviglioso, utile e che prima non c’era.
Durga è la divinità indù che distrugge i mali ed elimina le sofferenze.
Il suo nome racchiude il richiamo ai 4 demoni a cui si oppone: la limitatezza, la sofferenza, la mancanza e le convinzioni limitanti. Durga è in continua azione per trasformare le parti negative dell’universo, come ci dice il suo vestito rosso.

E cavalcando la tigre, simbolo di determinazione e volontà, sottomettendola ed utilizzandola quale veicolo celeste, Durga domina le convinzioni limitanti e trasforma il mondo con fermezza e umiltà.
La Dea Durga è madre dell’Universo, forza che regola la creazione, il mantenimento e la distruzione del mondo. Emette il suono della creazione attraverso la conchiglia divina.
Durga ha tre occhi, il desiderio (la luna), l’azione (il sole) e la conoscenza (il fuoco).
In ogni mano tiene un’arma diversa, ciascuna simbolo di un diverso potere trasformativo. Protegge in tutte le direzioni dell’Universo e trasforma in luce l’ombra in tutti i suoi aspetti, tanti quante sono le sue braccia.