METODO BATES
Amalia Gorni

Un corso pratico in due giornate per acquisire consapevolezza visiva,
recuperare la vista naturale, vedere bene e senza sforzo, togliendo gli occhiali.

Il Metodo Bates è una tecnica olistica che insegna ad usare in modo naturale gli occhi e la vista, per arrivare a vedere bene senza occhiali.
Il medico oculista americano William Bates, ad inizio ‘900 affrontò il problema dei difetti refrattivi da un’altro punto vista, non accontentandosi di risolverli provvisoriamente con gli occhiali che paragonava alle stampelle. Osservò che molti problemi visivi derivano da sforzo e tensione, da cattive abitudini acquisite inconsapevolmente.
Mise quindi a punto un sistema per recuperare le corrette abitudini visive che impiega rilassamento, movimento e centralizzazione visiva, lavorando anche su memoria, concentrazione e immaginazione.

 

Chi vede bene usa la vista in modo rilassato e funzionale, ed è esattamente questo che si impara in un corso di Metodo Bates.
Il Metodo Bates non sostituisce le visite oculistiche, sostiene il lavoro degli occhi insegnando il rilassamento e la consapevolezza, per farli funzionare al meglio.
Visual Trainer e Naturopata, 
Amalia Gorni adotta un particolare metodo integrato con pratiche che coinvolgono il livello oculare, fisico e mentale per raggiungere la consapevolezza visiva, tra cui le illusioni ottiche e i rimedi vibrazionali Fiori di Bach e Acque Tibetane Cristal Mantra.

Il Metodo Bates è utile nei problemi refrattivi (miopia, astigmatismo, ipermetropia, presbiopia), per chi soffre di bruciore, stanchezza agli occhi, affaticamento da computer e in generale per tutti i problemi visivi.
Essendo gli occhi i “direttori” del movimento, il Metodo Bates porta beneficio anche a problemi di postura, mal di testa e problemi cervicali. Anche memoria e attenzione vengono stimolate e anche udito e olfatto possono essere indirettamente stimolati a migliorare il loro funzionamento.
I seminari sono pensati per essere seguiti anche da bambini al di sopra dei 5 anni.

Anche se forse non ce l’hanno detto, intervenire sul proprio difetto visivo si può:
gli occhiali e le lenti a contatto non sono una cura per i difetti visivi, sono solo una correzione,
esattamente come le stampelle non curano una gamba rotta.

Nonostante la comprensibile opposizione da parte dell’industria ottica e della chirurgia laser
che sono riuscite quasi a bloccare la diffusione del metodo in molti paesi,
il Metodo Bates ha una discreta diffusione in Italia con simpatizzanti,
educatori e promotori, tra ottici, optometristi e oculisti.

AMALIA GORNI

È Naturopata-Heilpraktiker dal 1993, diplomata alla Scuola di Rudi Lanza. Associata dell’AIEV (Associazione Nazionale Educatori Visivi) ha partecipato attivamente al confronto con Visual Trainer italiani e stranieri continuando a perfezionarsi. Formata in Terapia Verbale e Fiori di Bach con Gabriella Mereu, affiancandola nella sua attività durante alcuni brevi periodi, è esperta in Riflessologia plantare e Tecnica Metamorfica, che insegna a livello propedeutico.
Insegna da molti anni in tutta Italia il Metodo Bates, integrato dalla sua personale ed articolata esperienza, sia in sedute individuali, sia in seminari di gruppo. Autrice di numerosi articoli su testate specializzate in Naturopatia e benessere, ha pubblicato nel 2011 Vedere bene senza occhiali, Ed. L’Età dell’Acquario e prefazione di Gabriella Mereu, di cui sta per uscire la 2° edizione rivista e aggiornata.

DUE GIORNATE

170,00

-

EARLY BOOKINGUN MESE PRIMA

150,00

-

I seminari di METODO BATES sono costituiti da 2 giornate full immersion, secondo il calendario seguente:

Sabato 11 + 25 Novembre 2017
Sabato 3 + 17 Febbraio 2018
Domenica 6 + 20 Maggio 2018

Orario 10,00/13,00 – 14,00/18,30

CONTENUTI
Gli occhi
 sono in assoluto l’organo di senso più bersagliato dalle emozioni con la frequente conseguenza di danneggiarne il corretto funzionamento.
Disturbi visivi come la miopia, l’astigmatismo, l’ipermetropia e la presbiopia e qualunque altro problema visivo possono essere arginati e ridotti intervenendo al più presto con un adeguato protocollo di recupero.
Il Metodo Bates ha aiutato fino ad oggi migliaia di persone veramente interessate a recuperare i loro occhi per non incorrere in peggioramenti e operazioni chirurgiche.

IL CORSO CONDOTTO DA AMALIA GORNI
La docente adotta un particolare metodo integrato che prevede l’adozione di pratiche che coinvolgono sia il livello oculare (le specifiche tecniche del Metodo del Dott. Bates) sia il livello fisico generale (automassaggi, rilassamento, postura, scioglimento della tensione di collo e spalle) e sia il livello mentale (memoria visiva, visualizzazione, attenzione e presenza).
I seminari puntano all’ottenimento della consapevolezza visiva, lavorando su illusioni ottiche ed utilizzando varie tecniche olistiche utili al percorso, tra cui i rimedi vibrazionali Fiori di Bach e Acque Tibetane Cristal Mantra.

PRESBIOPIA ED ESAME DELLA VISTA PER LA PATENTE
Spesso dopo i quaratacinque anni, quando si affronta il consueto esame dall’oculista per verificare una capacità visiva compatibile con la guida dell’automobile, non si riesce a superare il minimo quoziente visivo per continuare a guidare la macchina senza uso di lenti ottiche.
La diagnosi di presbiopia viene accettata come normale data l’età e gli occhiali da vista diventano ben presto uno strumento sempre più indispensabile da tenere sul naso davanti agli occhi.
Peraltro durante la giornata la vista è soggetta a continui cambiamenti, al mattino si vede meglio che alla sera, oppure la vista dipende da cosa si guarda e anche dall’ambiente in cui ci si trova. Alcune persone durante il test del quoziente visivo con la Tavola Snellen, potrebbero entrare in uno stato di agitazione tale da ridurre notevolmente la loro capacità visiva.
In quel momento l’oculista prende atto e attribuisce le lenti per la scarsa visione dell’esaminando. Bisogna dire che quando gli occhi si abituano agli occhiali da vista, tendono a diventare sempre più pigri e la loro abilità visiva diminuisce progressivamente. Per non andare incontro a questo tipo di percorso, il Metodo Bates è il sistema che meglio aiuta le persone a conservare la migliore capacità visiva e, grazie ad una adeguata preparazione, con l’aiuto di esperti educatori visivi è facilmente possibile superare positivamente l’esame della vista per la patente di guida.
Il training può svolgersi durante alcuni incontri individuali e il risultato che si può ottenere è sicuramente efficace e può durare nel tempo.
I nostri occhi sono troppo importanti ed utili e dedicare del tempo per salvaguardare la  nostra capacità visiva è un impegno che ci ripaga di tutti gli sforzi che si possono compiere per raggiungere lo scopo.

Durante i Seminari di Metodo Bates avrò la gioia e l’onore di guidarvi in questo entusiasmante percorso fatto
di momenti di intenso sentire alternati a momenti in cui si potrà sperimentare il rilassamento
nel dinamismo delle proprie aperture alla vita. Vi aspetto.

Amalia

PER CHI?
Il corso di METODO BATES è pensato per essere seguito anche da bambini al di sopra dei 5 anni.
Può essere utile per chi ha difetti refrattivi (miopia, astigmatismo, ipermetropia, presbiopia), per chi soffre di bruciore, stanchezza agli occhi, affaticamento da computer, o per qualunque problema visivo.
Ne può beneficiare chi ha problemi di postura, chi soffre di mal di testa, dolori cervicali legati alla vista e desidera stimolare memoria e attenzione. Anche chi ha problemi agli altri organi di senso può trarre vantaggio d questo corso, essendo gli occhi parte del Sistema Sensoriale, questo può essere indirettamente stimolato a migliorare il suo funzionamento nel suo assieme.

Amalia Gorni

Amalia Gorni

Docente

Docente di Metodo Bates

È Naturopata-Heilpraktiker dal 1993, diplomata alla Scuola di Rudi Lanza. Associata dell’AIEV (Associazione Nazionale Educatori Visivi) ha partecipato attivamente al confronto con Visual Trainer italiani e stranieri continuando a perfezionarsi. Formata in Terapia Verbale e Fiori di Bach con Gabriella Mereu, affiancandola nella sua attività durante alcuni brevi periodi, è esperta in Riflessologia plantare e Tecnica Metamorfica, che insegna a livello propedeutico.
Insegna da molti anni in tutta Italia il Metodo Bates, integrato dalla sua personale ed articolata esperienza, sia in sedute individuali, sia in seminari di gruppo. Autrice di numerosi articoli su testate specializzate in Naturopatia e benessere, ha pubblicato nel 2011 Vedere bene senza occhiali, Ed. L’Età dell’Acquario e prefazione di Gabriella Mereu, di cui sta per uscire la 2° edizione rivista e aggiornata.

Quota di partecipazione a 2 Giornate
Euro 170,00

EARLY BOOKING
Euro 150,00
Risparmi 20,00 Euro
Se ti iscrivi un mese prima:

Entro il 10/10/17 per il 1° corso
Entro il 2/1/18 per il 2° corso
Entro il 5/4/18 per il 3° corso

A TOPOS
Via Pinelli, 23 – 10144 – TORINO – Zona Piazza Statuto

Metro Principi D’Acaja / Tram 1/3/10/13/16 – Bus 29/46/49/52/56/59/6065/67/71/72
VEDI LA MAPPA

ISCRIZIONI
Per iscriversi al corso è necessario versare l’intera quota dovuta entro le date indicate, a mezzo bonifico bancario sul conto corrente presso Fineco Bank

IBAN  IT84S0301503200000003602343

intestato a Durga Formazione di Valeria Bellesia
o di persona a TOPOS in Via Pinelli 23, Torino su appuntamento al 335/7513020, in contanti o assegno bancario.

MANCATA PARTECIPAZIONE
La quota di partecipazione versata non potrà essere restituita nemmeno parzialmente e per nessun motivo.
In via di cortesia è data la possibilità di partecipare ad un’edizione successiva della stessa attività (non ad attività differenti).
Nel caso in cui non vengano più erogate edizioni successive del corso, o ne vengano cambiati parzialmente i contenuti, il partecipante non ha nulla da pretendere dall’organizzazione.
In alternativa, in caso di impossibilità di partecipazione, può essere comunicato il nominativo di una persona interessata a frequentare al proprio posto, purché la comunicazione avvenga prima dell’inizio del corso.

ABBIGLIAMENTO
Non è richiesto un abbigliamento particolare.

INFORMAZIONI PRATICHE/CONDIZIONI DI PARTECIPAZIONE
Non è richiesto materiale particolare se non quello consueto per prendere appunti. Le registrazioni audio non sono ammesse dati i contenuti intimi e riservati. Non è richiesto un abbigliamento particolare.
Le pause pranzo del corso nel weekend durano circa un’ora e sono autogestite: è anche possibile portare del cibo da casa e consumarlo in aula. Le iscrizioni si chiudono all’eventuale raggiungimento del numero limite di partecipanti. Il posto sarà tenuto occupato solo in presenza del saldo.
Il corso sarà avviato solo al raggiungimento del numero minimo di partecipanti.
N.B. I contenuti e il calendario possono subire variazioni per cause impreviste. In questo caso sarà nostra premura avvisare tempestivamente i partecipanti.
Con l’iscrizione al corso, si accettano implicitamente tutte le regole qui elencate.